L’anno social del DPC, intervista a Pierfrancesco Demilito

Sono stati richiesti a gran voce da tutto il popolo del web e del settore (soprattutto dopo il percorso di studio di socialprociv) e, finalmente, nel maggio 2018 sono stati attivati gli account ufficiali, Facebook e Twitter, del Dipartimento della Protezione Civile. Ad un anno dalla loro apertura facciamo il punto con Pierfrancesco Demilito, capo ufficio stampa del Dipartimento, e proviamo a scoprire alcuni aspetti di backstage, dalla gestione del piano editoriale, la gestione delle interazioni, fino all’organizzazione interna. Continua a leggere

Comunicare l’emergenza, il modello del Comune di Spoltore


Prosegue il viaggio attraverso l’Italia alla scoperta delle best practice sul tema della comunicazione in emergenza e della protezione civile. Oggi vi porto a Spoltore, comune con oltre 19mila abitanti della provincia di Pescara. A gennaio di quest’anno, infatti, l’amministrazione comunale ha presentato il progetto #Comunicare l’emergenza dedicato ai nuovi modelli comunicativi e informativi per la protezione civile. Di cosa si tratta e quali sono gli obiettivi? Ne parliamo nel dettaglio, in questa intervista, con Stefano Burrani Consigliere alla Protezione Civile del Comune di Spoltore e Lina Gwozdz di Sinergie Education organismo di formazione che segue questo progetto. Continua a leggere

Il ruolo del giornalista nelle esercitazioni di protezione civile, intralcio o risorsa?

Le esercitazioni di protezione civile sono un momento fondamentale della fase di preparazione e prevenzione perché permettono di verificare l’attualità dei piani di protezione civile e le procedure previste per intervenire in caso di criticità valide sia per gli enti competenti che per il volontariato. In base all’evento previsto si dovranno mettere in pratica le misure definite sia a livello sanitario, che quelle per la gestione delle telecomunicazioni, le risorse o la viabilità e testare tutti i compiti delle diverse funzioni così come definito nel piano di protezione civile dell’ente. Continua a leggere

SNPA: una rete di professionisti per la comunicazione ambientale

In vista della prima conferenza nazionale del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente – SNPA che si svolgerà a Roma domani, 27 febbraio e giovedì 28 febbraio, facciamo il punto con Marco Talluri, dirigente per la comunicazione di ARPAT – Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana e membro della Rete Comunicazione e Informazione di SNPA, sullo stato dell’arte della comunicazione ambientale e sulle attività di comunicazione e informazione del Sistema. Continua a leggere

INGV: tweet e magnitudo più veloci ma senza compromettere la qualità

Dal 4 settembre l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha rivoluzionato il proprio account Twitter andando ad adottare un nuovo modo di comunicare che privilegia la rapidità delle informazioni. Infatti, in occasione di un evento sismico di magnitudo superiore a 3, viene inviato e pubblicato un tweet automatico con la stima dell’epicentro e della magnitudo. A questo segue poi un tweet con la revisione dei dati svolta dai sismologi di turno. A poco più di due mesi siamo curiosi di sapere come sta andando questa sperimentazione e facciamo il punto con Emanuele Casarotti, ricercatore dell’INGV. Continua a leggere

Polizia Locale e Social Network: l’esperienza “da copiare” dell’Emilia Romagna

Foto di @pmromagnamarina

In occasione de “Le Giornate della Polizia Locale” che si sono svolte a Riccione dal 20 al 22 settembre, la Regione Emilia Romagna ha organizzato un panel dedicato ai social network per la polizia locale dal titolo: “Gli utilizzi possibili dei social network per la polizia locale: comunicazione, monitoraggio del territorio e strumento d’indagine” con gli interventi di Pierpaolo Marullo, Comandante della Polizia Locale di Riccione, Misano Adriatico e Coriano; Marco Luciani, Vice Commissario della Polizia Locale di Milano; Davide Golfieri, Commissario superiore della Polizia Locale dell’Unione Terre d’Argine e moderato da Alessandro Scarpellini Comandante della Polizia Locale dell’Unione Rubicone e Mare. Continua a leggere

App per le emergenze? Ripartiamo superando i confini europei con PEMEA

Più volte ho espresso il mio parere e le criticità sullo sviluppo e utilizzo di applicazioni per smartphone per le emergenze: non sempre sono user friendly, hanno bisogno di wifi o rete 3G per funzionare, in più sono spesso vincolate ad estensioni territoriali, per esempio funzionano per un Comune, una Provincia o una Regione, perdendo così la loro funzione di servizio per chi viaggia o si sposta spesso. [Qui il mio articolo su Emergenza 2.0 dedicato alle app di emergenza]. Continua a leggere