Pillole in emergenza, per iniziare l’anno con la giusta attitudine!

Pillole in emergenza UCSC

Pillole in Emergenza.
Ovvero Anna, Giulia, Roberta, Eleonora, Ingrid, Martina, Yassmin e Isabella.
Un team di studentesse di Psicologia per il Benessere dell’Università Cattolica di Milano che hanno scelto di perseguire, nel contesto del loro corso di studi, la diffusione di pillole di conoscenza per essere in grado di gestire situazioni e stati emergenziali, sostenute dal Prof. Fabio Sbattella.

Continua a leggere

Burnout linguistico

pompieri,incendio,firefighter,buronout,fatica,solo,alone

Un post provocatorio, volutamente.

 

 

 

L’utilizzo di termini stranieri, che come burnout sono prelevati quasi interamente dalla lingua inglese, ha contaminato fortemente il gergo in uso nel mondo del soccorso: senza escludere nessuna specialità, si è affermata una lingua parassita, un gergo se preferite, incastonata di parole delle quali viene ignorato il significato (dando luogo a situazioni al limite del surreale e a qualche problema di comunicazione). Una lingua parassitaria (1), che si appoggia su una lingua esistente, e sulla quale viene innestato un nuovo lessico, attraverso dei processi che un linguista definirebbe di rilessificazione e risemantizzazione. Continua a leggere

Triangolo blu su fondo arancio

protezione_civile_protocolli_aggiuntivi_1977
Il segno internazionale della protezione civile consiste in un triangolo equilatero blu su fondo arancio quando è utilizzato per la protezione degli organismi di protezione civile, degli edifici, del personale e del materiale loro pertinenti, o per la protezione dei ricoveri civili.
Continua a leggere

Novantanove

Ventiquattro ore a L’Aquila, milleduecento km, cinque anni dopo. E novantanove cannelle davanti ai miei occhi.

Aquila_Google_Maps_Novantanove

Arrivare alle otto di sera, spuntare dalla galleria del Gran Sasso e incontrare una leggera pioggia ad accogliermi. Il termometro dell’auto non manca di ricordare che è novembre. Uscire a L’Aquila Est e rivedere un paesaggio purtroppo familiare: le luci gialle dell’illuminazione pubblica sottolineano il buio nel cuore della città. Continua a leggere

#HomeSafeHome

IDDR2017_banner_13_ottobre_2017

“No other success can compensate for failure in the home” – David O. McKay

Casa Sicura Casa: questa la traduzione dello slogan scelto per celebrare la Giornata Mondiale per la riduzione dei disastri. “Home safe home – Reducing exposure, reducing displacement” è parte della campagna per diffondere i sette obiettivi di Sendai: lo scopo, da raggiungere entro il 2030, è la riduzione del numero di persone colpite da disastri naturali. Continua a leggere

112, arcobaleni e unicorni

Quest’estate il NUE 112 è divenuto il tormentone estivo, il bersaglio delle critiche: non potendo indossare le vesti da CT, ci si veste da esperti gestori di sistemi di emergenza. L’unica costante è il livello di competenza, immutatamente pari a zero. Molti giornalisti non aiutano a delineare un quadro oggettivo della situazione: sarà la pigrizia del facile copia-incolla di comunicati polemici prodotti da terzi interessati, l’inettitudine nell’esercitare la propria professione, incapacità di cogliere il quadro della situazione che sono chiamati a descrivere e raccontare. Continua a leggere

Un weekend in Toscana

“If you speak, that is rain; if you speak too much, that is flood!”
– Mehmet Murat İldan

Abbandonare l’amata Val Padana per godere di un fine settimana in Toscana: famiglia, amici, luoghi vicini al cuore e previsioni meteo che hanno reso superfluo il costume da bagno. Una notte all’ombra della Torre, un viaggio bagnato verso la punta meridionale della Provincia di Pisa, la stanchezza e la decisione di trascorrere la notte ai piedi dei colli di Bolgheri: un temporale, prima dell’alba,  girarsi dall’altra parte del letto.
Al risveglio, le chiamate ed i messaggi che si rincorrono. «Ma dove siete?», «Hai sentito cosa è successo a Livorno?». Continua a leggere